La nascita della letteratura in volgare in Italia – La Carta Capuana

Cari lettori e care lettrici

Non se avete letto il post Un patrimonio ereditario importante – il latino e il fiorentino, in cui parlo del latino e del fiorentino, nonché di Dante, Petrarca e Boccaccio e della loro importanza nella formazione della lingua italiana. Oggi, invece, faremo un salto ancor più indietro nel tempo per parlare della nascita della letteratura volgare in Italia, cioè la lingua caratteristica del popolo, precisamente della Carta Capuana.

Con l’espansione dello Stato Romano, il latino svolse un ruolo di grande rilievo nella vita politica, sociale e culturale non solo nella penisola italica, ma nelle terre conquistate, poiché era la lingua ufficiale dell’Impero, radicatasi, in seguito alle conquiste, in gran parte dell’Europa e dell’Africa Settentrionale. Dunque tutte le lingue romanze (e tantissimi dialetti italiani) discendono dal latino volgare – cioè parlato dal popolo -, benché si riscontrino spesso, in molte lingue moderne, appartenenti ad altri ceppi, vocaboli di origine latina. Anche dopo la caduta dell’Impero d’Occidente, 476 d.C, per più di un millennio, il latino continuò a essere adoperato, nel mondo occidentale, come la lingua della cultura e della letteratura.

Un patrimonio ereditario importante – il latino e il fiorentino

Con il declino di Roma (476 d.C.), la lingua latina perse l’importanza, essendo sostituita da nuove lingue locali, dette anche neolatine o romanze. Tuttavia, per più di un millennio, il latino continuò a essere adoperato, nel mondo occidentale, come la lingua della cultura e della letteratura; sarà necessario aspettare fino al Mille per trovare documenti nei quali è stata usata una lingua parlata dal popolo, il cosiddetto “volgare”.

Abbazia di Montecassino

Troviamo uno dei primi documenti legali in volgare-italiano nella Carta Capuana del 960. In realtà, sono parole di un testimone di una lite per confini di proprietà tra l’abbazia di Montecassino, retto dall’Abate Aligerno, e un piccolo feudatario locale, Rodelgrino d’Aquino.

Questo documento, scoperto nell’archivio cassinese e redatto dal Giudice di Capua Arechisi, fu pubblicato nel 1734 dall’Abate Erasmo Glottala.

Comparvero tre testimoni dinanzi al giudice, il quali deposero a favore del monastero, avendo in mano una carta e indicando con un dito i confini del luogo occupato illecitamente da Rodelgrino d’Aquino, dopo la distruzione dell’abbazia da parte dei Saraceni nell’885. La formula, in volgare campano e ripetuta quattro volte, fu inserita nella sentenza in latino emessa a fine processo.

Spero che il post vi sia piaciuto, alla prossima con i poeti siciliani!

Claudia V. Lopes

Se il post vi è piaciuto, fatecelo sapere nei commenti!

Bibliografia:

  1. SALINARE, Carlo. Profilo storico della letteratura italiana, Giunti, 1991.
  2. FERRONI, Giulio. Profilo storico della letteratura italiana, Einaudi Scuola, 2008.

Pubblicato da Affresco della Lingua Italiana

Cláudia Valéria Lopes è nata a Rio de Janeiro, Brasile. Nel 2001 si laureò in Lingue straniere (portoghese e italiano) presso l’UFRJ – Universidade Federal do Rio de Janeiro. È traduttrice e insegnante di portoghese e italiano. Ha vissuto in Italia per sette anni, periodo in cui ha potuto approfondire le sue conoscenze della lingua italiana e dare continuità ai suoi studi. Ha lavorato per due anni come lettrice di lingua portoghese (norma brasiliana ed europea) presso l’Università degli Studi di Bari. Dal 2009 vive in Svizzera, dove lavora nel campo dell’e-learning, traduttrice (le sue lingue di lavoro sono: portoghese, italiano, inglese e tedesco) e insegnante di portoghese e italiano. Claudia è fondatrice, amministratrice e redattrice del Blog, della pagina Facebook di Affresco della Lingua Italiana e del canale Youtube. Attualmente segue un Master in Didattica della Lingua Italiana come Lingua Seconda/L2 (E-Campus)

7 pensieri riguardo “La nascita della letteratura in volgare in Italia – La Carta Capuana

  1. Ciao complimenti!!! Direi che oltre che a scrivere correttamente l’ italiani, negli articoli che proponi fai anche delle notevoli ricer he al riguardo dell’esito argomento che tratti. Personalmente tutto ciò che descrivi sopra, lo avevo studiato ai tempi della scuola.

    "Mi piace"

Rispondi a Claudia Valeria Lopes Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: