Buon San Valentino!

Ciao a tutti!

In quasi tutto il mondo, oggi si festeggia il Giorno degli Innamorati, conosciuto anche come Il giorno di San Valentino. Vi siete mai chiesti, però, qual è origine di questo giorno così speciale?

Questa festività prende il nome dal santo e martire cristiano San Valentino da Terni, un comune italiano, capoluogo dell’omonima provincia, in Umbria. Nel 496, papa Gelasio I la sostituì alla precedente festa pagana delle Lupercalia (in italiano “Lupercali”), una festa di purificazione che veniva celebrata a Roma dal 13 al 15 febbraio, in onore di Luperco, antico dio latino.

hl-valentin-mit-stifter-150
(San Valentino di Lucas Cranach, Galleria delle arti figurative di Vienna. Crediti immagine Wikipedia)

San Valentino, secondo la leggenda, sarebbe stato il primo religioso a celebrare l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana. Inoltre, si dice che, un giorno, vide due giovani fidanzati che litigavano e decise di farsi avanti, offrendo loro una rosa. Pregò loro di riconciliarsi, mentre i giovani insieme stringevano il gambo della rosa, facendo attenzione a non pungersi. Il Santo pregò anche il Signore che proteggesse e mantenesse vivo in eterno il loro amore.

valentines-day-1967311_960_720

Dopo qualche tempo, la coppia gli chiese di benedire il loro matrimonio. Quando la storia si diffuse, la gente incominciò ad andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese, giorno destinato alle benedizioni. Dopo la morte di San Valentino, la data fu ristretta solo al mese di febbraio.

Comunque, come accade a tutte le festività di origini pagana, non è facile accertare, appunto, le origini di questa ricorrenza. Secondo un’altra tesi, forse la più affidabile, San Valentino sarebbe diventato il protettore degli innamorati grazie al circolo di Geoffrey Chaucer (1343 – 1400), uno scrittore, poeta, cantante, burocrate e diplomatico inglese, considerato il padre della letteratura inglese. Nel suo poema onirico Il parlamento degli uccelli, Geoffrey associa la ricorrenza al fidanzamento di Ricardo II d’Inghilterra con Anna di Boemia, per cui è visto come una delle prime prove del giorno di San Valentino come festività dedicata all’amore.

valentine
(Biglietto d’auguri di san Valentino, circa 1910. Crediti immagine Wikipedia)

E quando ebbero inizio i festeggiamenti dedicati al giorno di San Valentino nel mondo? Nei paesi anglosassoni, le prime testimonianze risalgono al XIX secolo, con lo scambio delle famose “Valentine”, cartoline e bigliettini d’amore decorate con dei motivi romantici, esattamente come quelli che troviamo in commercio. Poi, con il passare del tempo, la tradizione di inviare delle cartoline d’amore si stese anche agli altri paesi. Oggi, oltre alle cartoline, gli innamorati si scambiano anche scatole di cioccolatini, fiori, profumi, pupazzi, gioielli, spesso durante una bella cenetta romantica.

Arrivederci e buon San Valentino a tutti!

Claudia Valeria Lopes

Se l’articolo vi è piaciuto, fatecelo sapere nei commenti!

Lettura di Poesia – La Guarigione di Vera Lúcia de Oliveira

Ciao a tutti!

Vera Lúcia de Oliveira (Maccherani), residente da molti in Italia. Attualmente insegna Lingua e letteratura portoghese e brasiliana presso l’Università degli Studi di Perugia. Nel corso della sua vita poetica, Vera ha pubblicato diversi libri di poesia, molti dei quali hanno ricevuto riconoscimento nazionale e internazionale sia in Brasile sia in Italia.

La sua produzione poetica ha ricevuto critiche positive e affettuose da poeti e scrittori come Carlos Drummond de Andrade, Moacyr Félix, Manoel de Barros, José Saramago e molti altri.

Il suo poetizzare, sebbene percorra i cicli della giornata, privilegia in particolare le ore pomeridiane, mettendo in evidenza i momenti infiniti che abitano tra i nostri sentimenti e la realtà che ci circonda; una realtà che si riflette nel desiderio perenne che ha ogni essere umano di slegarsi e migrare, proprio come fanno gli uccelli migratori.

Non sono rare le volte in cui la nostra poetessa denuda i colori autunnali e il sibilo delle foglie, quando cadono in autunno, attraverso giochi sonori e allitterazioni che rivelano la natura delle cose, la spersonalizzazione dell’io di ciascuno di noi, svelandoci molti dettagli nascosti che solo uno sguardo attento come il suo è capace di catturare.

Se volete sapere di più dell’autrice e la sua produzione poetica, visitate la sua pagina Poesia e poesia.

Arrivederci e buon ascolto!

Claudia V. Lopes

I giorni della settimana in italiano con audio!

Ciao a tutti!

Sapevate che quasi tutti i giorni della settimana in italiano derivano dai nomi dei pianetti e dalle loro divinità?

I giorni della settimana:

  • Lunedì – il giorno della Luna
  • Martedì – il giorno di Marte
  • Mercoledì – il giorno di Mercurio
  • Giovedì – il giorno di Giove
  • Venerdì – il giorno di Venere
  • Sabato – dal latino Sabbatum, giorno dedicato al riposo
  • Domenica – dal latino Dominus, il giorno del Signore

Curiosità

In epoca romana precristiana, il sabato era dedicato a Saturno e la domenica al Sole. Sotto l’influenza della Chiesa cattolica, il sabato divenne il giorno del riposo (dal latino Sabbatum, che a sua volta ebbe origine dall’ebraico Shabbat ) e la domenica il giorno del Signore (dal latino Dominus). Alcune lingue hanno mantenuto i loro nomi originali per alcuni giorni, come l’inglese (Saturday e Sunday) e il tedesco (Samstag e Sonntag).

Altri vocaboli ed espressioni legati ai giorni della settimana

  • – giorno: il dì e la notte; ancora usato in formule di saluto e in ricette mediche: buon dìtre volte al dì
  • Giorni feriali/giorni lavorativi – giorni in cui si lavora, cioè tutti i giorni dell’anno ad eccezioni dei giorni festivi
  • Giorni festivi – giorni in cui le attività lavorative di uno stato, regione o di un comune vengono per la maggior parte sospese.
  • Festa – trattenimento pubblico o privato, per qualche ricorrenza o per divertimento: festa di compleanno, di laurea, di matrimonio; la festa della mamma/del papa’ 
  • Weekend (week-end s. ingl., pl. weekends o week-ends) / fine settimana 
  • Tutti i giorni – studio la lingua italiana tutti i giorni.
  • A giorni alterni – un giorno sì e uno no: vado in palestra a giorni alterni.
  • Che giorno è oggi?
  • Oggi è lunedì, martedì, ecc.

Arrivederci e buon venerdì!

Claudia V. Lopes

21/01 – Giornata Mondiale dell’abbraccio

Cari amici,

Mai come questa volta siamo così consapevole dell’importanza che ha un abbraccio. Da un giorno all’altro siamo stati privati di un gesto naturale ma che ha un’importanza vitale nella vita di ognuno di noi. Ormai è diventato una specie di mantra: dobbiamo mantenere le distanze, non possiamo dare una stretta di mano a nessuno, abbracciarsi non se ne parla.

Coppia, Abbracci, Felice, Amici, Amanti, Fratello

Oggi, 21 gennaio, è la giornata mondiale dell’abbraccio e vorrei poter abbracciare ognuno di voi, anche se con il mio cuore l’ho già fatto tante volte. Quando finirà questa pandemia ci abbracceremo di più, più volte, più forte.

La magia di un abbraccio

(Pablo Neruda)

“Quanti significati sono celati dietro un abbraccio?
Che cos’è un abbraccio se non comunicare, condividere
e infondere qualcosa di sé ad un’altra persona?
Un abbraccio è esprimere la propria esistenza
a chi ci sta accanto, qualsiasi cosa accada,
nella gioia e nel dolore.
Esistono molti tipi di abbracci,
ma i più veri ed i più profondi
sono quelli che trasmettono i nostri sentimenti.
A volte un abbraccio,
quando il respiro e il battito del cuore diventano tutt’uno,
fissa quell’istante magico nell’eterno.
Altre volte ancora un abbraccio, se silenzioso,
fa vibrare l’anima e rivela ciò che ancora non si sa
o si ha paura di sapere.
Ma il più delle volte un abbraccio
è staccare un pezzettino di sé
per donarlo all’altro
affinché possa continuare il proprio cammino meno solo”.

Vi abbraccio forte forte!

Claudia Lopes

Video – Allo zoo con Affresco

Ciao a tutti!

Il nostro video di oggi tratta il nome di alcuni animali che troviamo allo zoo (non tutti). Se avete dei bambini a casa che studiano la lingua italiana, approfittate per studiare insieme a loro, sicuramente vi divertirete un mondo!

il tucano

I nomi degli animali presenti nelle schede al singolare e al plurale:

  • il tucano – i tucani, il coccodrillo – i coccodrilli, il leone – i leoni, la giraffa – le giraffe, la zebra – le zebra
  • la tigre – le tigri, il castoro – i castori, l’orso – gli orsi, l’elefante – gli elefanti
  • il rinoceronte – i rinoceronti, l’ippopotamo – gli ippopotami, lo struzzo – gli struzzi, il fenicottero – i fenicotteri
  • il gorilla – i gorilla, l’ara – le are, la volpe – le volpi, la mucca – le mucche, il formichiere – i formichieri
il castoro

Arrivederci e buono studio!

Claudia Lopes

il coccodrillo

Videoaula sulle paroline magiche “Anzi”, “Eh” e “Eh sì”

Ciao a tutti!

Come promesso la volta scorsa, continueremo il nostro approfondimento per quanto riguarda l’uso di alcune interiezioni ed espressioni.

Anzi

Come avverbio, con valore temporale, significa prima, usato solo nella locuzione poc’anzi e nel composto anzidetto.

Più usata come congiunzione testuale (sempre dopo una frase di senso negativo) vuol dire invece, al contrario: quel ristorante non era male, anzi mi è piaciuto tantissimo; la seconda frase può essere anche ridotta al solo anzi: Carla non è cattiva, anzi!

Con valore correttivo-accrescitivo significa piuttosto, addirittura: ti amo, anzi, ti adoro; il pranzo era buono, anzi, buonissimo.

Eh (eeh)

(interiezione) secondo la modulazione della voce, esprime stupore, sconforto, rassegnazione, rimprovero, minaccia : eh, che bella macchina!, eh, no, così non va; nelle risposte, anche da sola, con il significato di “così così”: “Come va?” “Eh!”

In forma interrogativa, con il significato di “come”? “cosa hai detto?”: “Pulisci tu la casa oggi” “Eh!” ; o come richiesta di conferma a ciò che si sta dicendo: bella giornata, eh?

Eh sì!

Interiezione usata per esprime accordo o conferma: “che bella donna è Anna!” “Eh sì, è veramente una bella donna”.

Arrivederci e buono studio!

Claudia Lopes

Arriva la Befana!

Ciao a tutti!

Domani in Italia si commemora una delle feste più amate dai bambini: la Befana!

Il termine befana deriva dal latino epiphanĭa che è, appunto, il nome popolare dell’Epifania, una festa cristiana celebrata dodici giorni dopo il Natale, esattamente il 6 gennaio.

Strega, Male, Pauroso, Sinistro, Halloween, Volano, Cat

L‘Epifania tutte le feste le porta via è un proverbio molto popolare in Italia di sfondo religioso, che si riferisce alla manifestazione di Gesù ai Re Magi. Ecco perché è diventata una tradizione, a loro ricordo, fare dei regali ai bambini e, in tempi recenti, anche agli adulti:

A) I bambini aspettavano con impazienza la Befana.
B) Per la Befana il marito le ha fatto trovare due biglietti per Parigi.

Ma chi è la Befana? È la personificazione dell’Epifania, la vecchietta bruttissima ma benefica, che scende di notte per la cappa del cammino e lascia nelle scarpe o nelle calze dei bambini buoni doni e dolciumi. Attenzione, a quelli cattivi la Befana lascia dei pezzi di carbone!

Il termine befana, adoperato in senso figurato, indica sia una donna brutta sia i regali che si fanno in occasione dell’Epifania:

A) S’è sposato quella befana!
(raramente si usa per il maschio “befano”, cioè uomo brutto).

B) Che bella befana hai fatto ai bambini!

Strega, Gatto Nero, Scopa, Halloween, Scuro, Terrore
Due versioni della filastrocca della Befana:

La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte
con le toppe alla sottana:
Viva, viva la Befana!

La befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte
porta un sacco pien di doni
da regalare ai bimbi buoni.

Ne conoscete altre?

Non vi dimenticate di lasciare un piattino con dei dolcetti, qualche mandarino e un bicchiere di vino alla Befana, altrimenti non vi lascerà nulla.

Buona Befana a tutti!

Claudia V. Lopes

Come si festeggia il Nuovo Anno in alcuni Paesi?

Paesi che vai usanze che trovi! Avete sicuramente sentito questo proverbio italiano, magari esiste uno simile nella vostra lingua madre


Vi siete mai chiesti come si festeggia l’arrivo del Nuovo Anno in altri Paesi? Quali sarebbero le loro tradizioni? La data è sempre la stessa? Cosa mangiano? L’articolo che leggerete adesso è la traduzione, fatta da me, di un testo in lingua tedesca facente parte del libro “Deutsch in der Schweiz”. In realtà, sono piccole interviste con i nativi di alcuni Paesi.

Fuochi D'Artificio, Vigilia Di Capodanno, Capodanno
  • In Colombia la gente celebra l’arrivo del nuovo anno in un modo molto particolare: verso la fine di dicembre, carta, stracci e vecchi vestiti vengono trasformati in una grande bambola, di seguito, messa seduta su una sedia fuori casa per alcuni giorni. Piccoli fogli di carta (testamentos) sono appesi accanto alla bambola, sui quali scriviamo gli avvenimenti negativi dell’anno vecchio e gli auguri per quello nuovo. C’è festa ovunque il 31 dicembre; balliamo tra di noi e anche con la bambola! Poco prima di mezzanotte, la bambola viene data alle fiamme, così si crea un bel falò e si brucia anche l’anno vecchio.  (L. Ponce, 28 anni)
  • In Sri Lanka la festa di Capodanno si chiama Nava-Varsha e si svolge in primavera, secondo il calendario occidentale. Festeggiamo questo giorno con la famiglia e mangiamo una specialità a base di riso, zucchero, latte di cocco e noci. Questo cibo è dolce come la vita!  Dopo cena, andiamo al tempio a pregare e ad augurarci un Felice Anno Nuovo. Nel giorno di Capodanno indossiamo vestiti nuovi, poiché è così che dimostriamo di essere pronti per qualsiasi nuovo avvenimento. (V. Nadarasa, 24 anni)
Anno Nuovo, Giorno Di Capodanno, Fuochi D'Artificio
  • In Spagna, a Capodanno, c’è una tradizione molto interessante: quando le campane suonano 12 volte a mezzanotte, mettiamo un’uva in bocca ogni qualvolta la campana suona, così auguriamo cose buone per il nuovo anno. Tuttavia, in ben poco tempo, abbiamo la bocca piena di uva e non riusciamo a più parlare. C’è sempre molto di cui ridere. (J. Martinez, 21 anni)
  • Per noi, musulmani in Marocco, il nuovo anno inizia il primo di Muharram. Questo è il primo giorno del calendario lunare islamico. Un anno lunare è circa 11 giorni più corto di un anno solare. E così il capodanno islamico viene festeggiato in una data diversa rispetto a quello cristiano.  Ad esempio, nel 1999 dC abbiamo celebrato il capodanno il 17 aprile e nel 2000 dC 11 giorni prima, il 6 aprile. In questa data iniziò per noi l’anno 1421. Il capodanno non è una grande festa per noi, a dire il vero, non abbiamo una grande festa a cavallo dell’anno. I bambini ricevono dei dolci il 1° di Muharram e in questo giorno si possono ascoltare storie sull’Hejra, il volo di Maometto dalla Mecca a Medina. (A. El Arja, 39 anni)
Fuochi D'Artificio, Celebrazione, Astratto, Arte
  • In Italia, il 31 dicembre, indossiamo sempre la biancheria intima rossa. Questa è una tradizione in molte regioni d’Italia, perché siamo convinti che la biancheria intima rossa porti fortuna nel nuovo anno – e fa bene all’amore! Festeggiamo il capodanno con gli amici. C’è un proverbio dice: “Natale con i tuoi, capo d’anno con chi vuoi”. Di solito, sono con i miei amici a Capodanno, mangiamo insieme e guardiamo la TV; a mezzanotte brindiamo con lo spumante e ci auguriamo il meglio per il nuovo anno. La maggior parte delle volte telefoniamo ai nostri genitori e auguriamo loro buona fortuna per il nuovo anno. (L. Crivelli, 21 anni)
  • Quest’anno non sono stato in Kosovo a Capodanno, l’ho festeggiato in Svizzera. Mio padre ha comprato dei petardi e tre videocassette appositamente per questa festa. I nastri erano in albanese con tanti canti e balli. Il 31 dicembre sono venuti a casa nostra il nostro prozio e molti parenti. Abbiamo guardato i video insieme prima di cena, a base di formaggio, pasta e carne. A mezzanotte siamo usciti tutti fuori, abbiamo fatto esplodere i petardi e ci siamo augurarci un felice anno nuovo. (M. Elshani,19 anni)
Fuoco D'Artificio, Razzo, Capodanno, Pirotecnici
  • Il capodanno è molto importante in Giappone, è una festa di famiglia. In questa occasione, abbiamo tre giorni liberi. L’ultimo giorno dell’anno puliamo tutte le stanze, solo quando tutto è veramente pulito siamo aperti e pronti per l’energia vitale del nuovo anno. Il 31 dicembre le donne cucinano principalmente Toshi koshi soba, un tipo di tagliatelle lunghe, così come lo è la vita. A mezzanotte le grandi campane del tempio suonano 108 volte: 8 volte nel vecchio anno e 100 volte nel nuovo anno. Il 1° gennaio riceviamo sempre tante cartoline di auguri. Il 2 e il 3 gennaio abbiamo tempo anche per le visite. Il capodanno in Giappone è molto bello. (S. Nakano, 36 anni)
  • Cuba puliamo accuratamente l’appartamento il 31 dicembre, dopo di che prepariamo il cibo: riso e fagioli con maiale fritto, radici di yucca e insalata di pomodori. Mangiamo abbastanza tardi, intorno alle 23:00. È tardi, ma non vogliamo iniziare il nuovo anno affamati. A mezzanotte, cioè esattamente 00:01, molte persone versano un secchio d’acqua per strada, dicono che porti fortuna, così tutto il male dell’anno vecchio viene lavato via.  (D. Castro, 45 anni)

Spero che il post vi sia piaciuto. Se volete, fateci sapere nei come festeggiate, normalmente, l’arrivo del nuovo anno nei vostri Paesi.

Vi auguro un bellissimo e sereno 2021, con tanta salute, prima di tutto. E non dimentichiamo di pregare per tutte le persone che sono andate via vittime del Covid19.

Claudia V. Lopes

Nuovo Giorno Anno, Capodanno, Natale, Vacanza

Come augurare un buon anno in italiano?

Cari amici e care amiche,

Fra qualche giorno finirà il 2020 che sembra davvero un anno infinito, considerando l’incubo che abbiamo vissuto e ancora viviamo per via della pandemia. Tuttavia, dobbiamo cercare di essere positivi e di non perdere la speranza. Quindi, vi propongo qualche frase per augurare un Buon Anno Nuovo, che potete usare nei vostri post sui media e nelle cartoline:

Festeggiare, Toast, Champagne, Celebrazione, Alcool
  • Ti auguro che il nuovo anno ti/vi porti tantissima gioia! Auguri!
  • Che l’anno nuovo sia per te/voi il migliore! Auguri!
  • Possa l’anno nuovo portare tante belle novità nella tua/vostra vita, Auguri!
  • Che questo sia l’anno “buono”! Auguri!
  • Tantissimi auguri di buon anno!
  • Ti/Vi auguro che quest’anno tu possa/voi possiate realizzare i tuoi/i vostri desideri, raggiungere i tuoi/i vostri obiettivi e sentirti/sentirvi soddisfatto/i!
  • Ogni anno che passa ci lascia un’esperienza in più, possa quello nuovo portarti/vi solo esperienze positive! Auguri
  • Questo augurio è una scatola piena d’amore, avvolta con gioia, sigillata con un sorriso e inviata con un bacio. Buon Anno!
  • Ti/Vi auguro un anno che sia proprio come tu lo desideri!
  • È tempo di lasciarsi alle spalle il passato e dedicarsi a un nuovo inizio. Felice anno nuovo!
  • Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni nuovo anno ti trovi un uomo migliore. (Benjamin Franklin)
  • L’Anno che sta arrivando, tra un anno passerà…” (cit), l’augurio è di ritrovarci sempre insieme, a sorridere e abbracciarci, auguri!
  • Questo augurio è una scatola piena d’amore, avvolta con gioia, sigillata con un sorriso e inviata con un bacio. Buon Anno!
  • Sia per te/voi un anno ricco di soldi, gioia, amore e soddisfazioni!
  • Lascia/lasciate indietro le cose brutte dell’anno appena trascorso e porta con te/voi solo le belle e gli insegnamenti ricevuti! L’anno nuovo sarà migliore di quello trascorso!
  • Ti/Vi auguro, di cuore, 365 giorni pieni di sorrisi!
  • Ti/Vi auguro, con tutto il cuore, che quest’anno sia speciale per te/voi, che tu/voi riesca/riusciate a raggiungere i tuoi/i vostri obiettivi! Auguri!
  • Auguro un felice anno nuovo, pieno d’amore e di pace, a te e a tutta la tua famiglia!
  • Sii felice, oggi e per tutto l’anno prossimo! Auguri!
  • Che i prossimi 365 giorni siano sereni e armoniosi, auguri!
  • Non ti/vi faccio auguri stratosferici, ti/vi auguro la serenità che solo l’amore, in tutte le sue forme, riesce a dare, la soddisfazione professionale, i soldi che bastano per i tuoi/i vostri desideri! Auguri!
  • Non preoccuparti/vi di ciò che non hai/avete raggiunto l’anno scorso. Questo nuovo anno sarà l’occasione per fare di più. Tanti auguri!

Ovviamente, queste sono tutte frasi fatte ma lo spirito principale del Nuovo Anno che sta per arrivare è quello di non perdere mai la speranza, anche quando tutto attorno a noi sembra crollare. I momenti difficili ci sono e ci saranno sempre, ognuno di noi ha i propri problemi personali, però, la pandemia ci ho mostrato che siamo veramente tutti sulla stessa barca.

Vi auguro con tutto il mio cuore un Felice, Splendido e pieno di Realizzazioni

Anno Nuovo, Calendario, 2021, Tipografia, Colorato
Nuovo Giorno Anno, Capodanno, Champagne, Vino, Regalo

Claudia V. Lopes

Buone Feste a tutti voi!

Cari amici e care amiche,

Ormai siamo alla vigilia di Natale e vorrei auguravi che lo passiate serenamente e in famiglia, per quanto sia possibile.

Il Natale non è soltanto una festa cristiana che celebra la nascita di Gesù, detta anche “Natività”; per la maggior parte delle Chiese cristiane occidentali e greco-ortodosse cade il 25 dicembre. Le Chiese ortodosse orientali, ortodosse-slave e copte lo festeggiano il 6 e il 7 gennaio rispettivamente, poiché seguono il calendario giuliano.

So che professate religioni diverse, ma vorrei che il Natale fosse per ognuno di voi sinonimo di nascita, di rinascita e di vita. Dunque, che lo spirito natalizio possa fiorire dentro ognuno di voi, che il suo significato vada oltre allo scambio di regali e alle luci che illuminano le città e le nostre case.

Buon Natale!

Claudia V. Lopes

Agrifoglio, Ornamento, Holiday, X Mas, Babbo Natale