Gli articoli determinativi con i nomi di parentela

Ciao a tutti!

L’argomento del nostro post di oggi non è, di certo, una novità per molti di voi. Normalmente è una delle prime cose che impariamo quando cominciamo a studiare la lingua italiana: l’uso degli articoli determinativi con i nomi di parentela.

In linguistica, esiste il termine singenionimo che usiamo per indicare un qualsiasi grado di parentela: padre (formale), papà, babbo (informale), madre (formale), mamma, mammina (informale), avo e ava (rispettivamente formali, pronunciati [à-vo] e [à-va]), nonno e nonna (informali) ecc.

Cerchiamo di capire alcune regole (o eccezioni!):

Una delle principali regole che impariamo riguardo all’uso dell’articolo determinativo è che dobbiamo ometterlo davanti ai nomi di parentela al singolare, quando sono preceduti da un aggettivo possessivo:

  • Questo è mio figlio.
  • Mia sorella si chiama Anna.
  • Mio padre è un avvocato.
  • Mio nipote è venuto a trovarmi.
  • Dov’è tua madre?
Attenzione: fa eccezione la terza persona plurale: la loro figlia; il loro figlio.
Alla mia nonna piace lavorare a maglia.

Tuttavia, l’uso dell’articolo diventa necessario quando i nomi di parentela sono al plurale:

  • Questi sono i miei figli.
  • Le mie sorelle si chiamano Anna e Francesca.
  • Questi sono i miei zii della Calabria.
  • I miei nipoti sono venuti a trovarmi.

L’articolo va adoperato anche con le varianti affettive e più informali come babbo, papà, mamma, figliolo, figliola ecc:

  • Fra poco arriverà il mio babbo.
  • La mia mamma si chiama Angela.
  • Il nostro nonno è andato a fare un passeggiata.
  • Ti presento il mio figliolo.
Se il nome di parentela è accompagnato da un aggettivo qualificativo o se è usato come diminutivo/vezzeggiativo, dobbiamo adoperare l’articolo: il mio fratello maggiore si chiama Claudio (aggettivo qualificativo); quella è la mia sorellina Beatrice (diminutivo); dov'è il mio cuginetto? (vezzeggiativo).

Le forme del diminutivo hanno spesso valore vezzeggiativo, cioè assumono un significato affettuoso e amorevole, che chiamiamo in grammatica aggettivo o nome alterato. Pertanto, usiamo i suffissi diminutivi per operare tale alterazione (-ello, –etto, –ino in fratellone, cuginetto, sorellina).

Arrivederci e buono studio!

Claudia V. Lopes

Se il post vi è piaciuto, fatecelo sapere nei commenti!

 

Bibliografia:

  1. Cetroni M.R. et aliiGrammaticando. Cercola (Napoli), Loffredo Editore, 1997.
  2. SABATINI, Francesco, La comunicazione e gli usi della lingua. Bologna, Loescher editore, 1995.
  3. DARDANO, Maurizio e TRIFONE, Pietro. Parole e Frasi. Bologna, Zanichelli Editore Spa, 1985.
  4. SERIANI, Luca. Grammatica italiana. Torino, Utet Editore, 1991.
  5. Dizionario Garzanti, De Mauro e Lo Zingarelli della lingua italiana.

Pubblicato da Claudia Lopes

Cláudia Valéria Lopes è nata a Rio de Janeiro, Brasile. Nel 2001 si laureò in Lingue straniere (portoghese e italiano) presso l’UFRJ – Universidade Federal do Rio de Janeiro. È traduttrice e insegnante di portoghese e italiano. Ha vissuto in Italia per sette anni, periodo in cui ha potuto approfondire le sue conoscenze della lingua italiana e dare continuità ai suoi studi. Ha lavorato per due anni come lettrice di lingua portoghese (norma brasiliana ed europea) presso l’Università degli Studi di Bari. Dal 2009 vive in Svizzera, dove lavora nel campo dell’e-learning, traduttrice (le sue lingue di lavoro sono: portoghese, italiano, inglese e tedesco) e insegnante di portoghese e italiano. Claudia è amministratrice e redattrice del Blog, della pagina Facebook di Affresco della Lingua Italiana e del canale Youtube.

9 pensieri riguardo “Gli articoli determinativi con i nomi di parentela

  1. Grazie di quest’articolo che ci è stato utilissimo. Mia figlia Alice che ha 10 anni sosteneva che si dovesse usare l’articolo determinativo con la parola ‘bisnonno’ e aveva ragione! Risulta che le parole ‘nonno’ e ‘bisnonno’ sono soltanto delle forme affettive.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao, Irina! Grazie del commento. Sì, effettivamente sono forme affettive che prevedono l’uso degli articoli: il mio bisnonno, la mia bisnonna. Tuttavia, è molto frequente anche l’uso senza l’articolo determinativo: me l’ha detto mio nonno/bisnonno; in casa di suo nonno/bisnonno, ecc.
      Un abbraccio e a presto!
      Se puoi, iscriviti al nostro canale youtube https://www.youtube.com/channel/UCB3aAT2tpj4K7xUta3YMpXw?view_as=subscriber

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: